Arezzo Antichissima

Volume di grande formato cm 28 x 37180 pagine stampate su carta speciale delle Cartiere Miliani FabrianoOltre 100 illustrazioni (incisioni e disegni)Rilegatura in pelle pregiata con impressioni in oro zecchino sul piatto e sul dorsoCustodia in pelle con specchiature a stampaAntica stampa fedelmente riprodotta, a corredo del volumeTarga con dedica ad personamTiratura in 999 esemplari numerati
A cura di: Ludovica Sebregondi, Raffaella Maria Zaccaria, Paolo Viti
Arezzo è stata tra le più ricche e importanti lucumonie etrusche prima di divenire stazione militare romana sulla via Cassia. Ha avuto ruoli strategici e politici di rilievo anche durante il Medioevo, quando, sotto la guida di vescovi e signori battaglieri di parte ghibellina divenne un florido Comune. Passata sotto il dominio di Firenze, una prima volta nel 1337 e, definitivamente, nel 1384, unirà la sua storia e le sue sorti a quelle della città dominante. Sede di uno “Studio” famoso fin dal Duecento, la città ospita monumenti e testimonianze artistiche di rilievo: le sue chiese e i suoi palazzi sono realizzati o affrescati da artisti famosi. Numerosissimi furono anche i letterati, i collezionisti e i vescovi che diedero lustro alla città. Di tanta sovrabbondanza di storia - elemento questo che contraddistingue felicemente quasi tutte le città italiane - il volume si propone di essere specchio fedele, articolandosi in tre ampie sezioni: “Città e Ambiente”, “Storie e Memorie”, “Arte e Società”. Questa suddivisione tematica stabilisce un solido filo d'Arianna che consente di cogliere, nell'insieme, gli elementi che maggiormente concorsero a caratterizzare Arezzo e la vita dei suoi abitanti: le particolari risposte fornite alle diverse sollecitazioni dei tempi che mutano; il mondo degli intellettuali, degli artisti - non certo meno interessante o significativo - e quello delle accademie e del lavoro; infine, ma non ultimo, il mondo di chi si strinse in sodalizi e confraternite per far fronte ai bisogni sociali più urgenti.

Legatoria

La legatoria nei secoli ha seguito lo sviluppo dell’arte del libro. In Italia lavorano maestri artigiani che usano ancora oggi la tecnica della legatoria manuale tradizionale, nata come vera e propria arte tra il 1500 e 1700, realizzando raffinate legature frutto di una tradizione consolidata.

Scopri il mestiere dell'arte
Ti potrebbe interessare anche