Gli Estensi a Ferrara e Modena

Volume di grande formato cm 28 x 37 144 pagine stampate su carta speciale delle Cartiere Miliani Fabriano Oltre 90 incisioni e tavole a colori Rilegatura in tutta pelle pregiata con impressioni in oro zecchino sul piatto e sul dorso Custodia in pelle con specchiature a stampa Targa con dedica ad personam Tiratura 2499 esemplari numerati
A cura di: Luciano Chiappino
Agli inizi del XII secolo i signori di Este sono membri di una casata già illustre che ha costituito un solido centro di potere in Veneto e che si appresta ad estendere il suo dominio sulle vicine Modena, Reggio e Ferrara. La famiglia dà prova, nei secoli successivi, di una straordinaria capacità di districarsi tra vicini ingombranti come Venezia, il papa e i Gonzaga, e ricorrenti problemi di successione. Ciò nonostante, nei secoli XV e XVI gli Estensi raggiungono l’apice della loro potenza: nel 1452 sono duchi di Modena e Reggio e nel 1471 anche di Ferrara. L’Addizione Erculea - il raddoppio dell’area urbana realizzata, per volontà di Ercole I, dall’architetto ferrarese Biagio Rossetti - fa di quest’ultima la più moderna città d’Europa. A Ferrara lavorano Bellini, Mantegna, Pisanello. La città si arricchisce di magnifici palazzi. Il suo splendore è però strettamente legato agli Estensi: l’estinzione della famiglia e la conseguente annessione allo Stato pontificio ne segnano irrimediabilmente il declino. Un ramo della casata sopravvive a Modena, dove riesce, pur tra alterne vicende, a mantenere il possesso del ducato. La fase espansiva è però cosa del passato e il futuro ha in serbo l’annessione al Regno d’Italia.

Stampa

La stampa in ambito artistico è una tecnica con la quale vengono create e moltiplicate opere d’arte mediante l’utilizzo di matrici incise. Molto vario è il mondo delle tecniche di incisione che si definiscono per il materiale della matrice: incisioni calcografiche (acquaforte, acquatinta, ceramolle ecc.), xilografie, litografie, serigrafie. E la stampa fine art. Oggi le tecniche incisorie non sono affatto cambiate: venuta meno la loro stretta funzione di “moltiplicatori d’immagine” in seguito all’avvento della fotografia, continuano a essere un mezzo espressivo d’elezione per molti artisti. Lo stampatore ricopre un ruolo fondamentale interpretando il segno artistico con la sensibilità dell’artigiano.

Scopri il mestiere dell'arte
Ti potrebbe interessare anche