PENNA 50 LIRE STILO ORO

La moneta da 50 lire con il dio “Vulcano”, emessa nel 1989 dalla Zecca dello Stato per l’ultima volta dopo una gloriosa storia di quasi 50 anni, è forse la più popolare in Italia prima dell’avvento dell’euro.
Veicolava l’immagine positiva e potente dei valori del lavoro, dello sviluppo, della rinascita nazionale, attraverso il vigoroso dio antico Vulcano, nazionale, attraverso il vigoroso dio antico Vulcano, mitico artefice di armi invincibili. L. come Lira. Un punto fermo per la storia d’Italia.
Ancora una volta Editalia, custode della memoria della nostra moneta nazionale attraverso innumerevoli progetti e collezioni, ha ridato nuova vita alle 50 lire “Vulcano” con un oggetto presente nella vita quotidiana, la penna.

La coniazione in oro della moneta nella cuspide del cappuccio è stata realizzata a dimensioni ridotte dalla Zecca dello Stato Italiano, che a garanzia di autenticità vi ha inciso il suo logo e la lettera R che identi ca la Zecca di Roma dove è stato creato il conio. La tiratura limitata, le caratteristiche degli elementi in oro, la qualità e durevolezza del prodotto sono attestati dal certi cato di autenticità e garanzia di Editalia.

LO SCRIGNO:
La stilo è custodita in un elegante cofanetto in legno e smalto. È possibile aggiungere una targhetta personalizzata con il nome del collezionista.
Il pennino della stilografica Vulcano Gold è stato studiato appositamente per questa penna.
Frutto di una lavorazione artigianale accuratissima e che richiede cento passaggi per ciascun esemplare, i pennini sono realizzati in iridio e oro 18kt con finitura in rodio, metalli preziosi che ne garantiscono una lunga durata.
Il pennino si “personalizza” nel tempo adattandosi all’angolo di scrittura e alla pressione. Nella cuspide del cappuccio è incastonata la riduzione dall’originale del verso delle 50 Lire del 1989 con l’immagine del dio Vulcano, coniata in oro 18k dalla Zecca dello Stato.
Il fermaglio scultoreo, creato con la tecnica della microfusione in argento 925‰ placcato oro 18k, impreziosisce il cappuccio della penna.
Il cappuccio e il fusto, realizzati in celluloide e resina blu tornite da barra piena, sono decorati da due anelli in oro 18k che riproducono la virola delle monete.
Il portapennino, in argento 925‰ placcato oro 18k, porta incisa sul retro la numerazione della tiratura.
Caricamento a cartuccia/converter.
Lunghezza della penna chiusa: 14,5 cm.
Tiratura limitata a 199 esemplari - numerazione incisa sul retro del portapennino.
Il fondello, in argento 925‰ ha il logo di Editalia inciso ed è sormontato da un cabochon in cristallo di rocca.

Fusione

La storia dei manufatti artistici fusi in metallo ha origine nel VI secolo a.C., presto si passò dalle fusioni piene a quelle cave, e si può dire che dai primordi a oggi si è verificato un perfezionamento nei materiali e nelle tecniche, mentre i principi di base sono rimasti gli stessi. La fusione a cera persa o microfusione è una tecnica storicamente applicata all’oreficeria, poi esportata in altri ambiti artistico/artigianali; si basa sulla colatura di metallo fuso all’interno di una forma negativa, che per essere realizzata prevede passaggi di modellazione in gesso, bronzo e successivamente in cera.

Scopri il mestiere dell'arte
Ti potrebbe interessare anche