Porte e mura di Roma

Volume di grande formato cm 28 x 37154 pagine stampate su carta speciale, appositamente prodotta dalle Cartiere Miliani Fabriano con circa 90 illustrazioniRilegatura in pelle con impressioni in oro zecchino sul piatto e sul dorsoCustodia in pelle con specchiature a stampaTarga con dedica ad personamTiratura in 2499 esemplari numerati.
A cura di: Giuseppe Vasi e Giuseppe Bianchini
Gli antichi poeti, a cominciare da Omero, erano usi cantare, delle città, innanzitutto la forza e la bellezza delle mura e delle porte. Nulla infatti era considerato più importante dell’impressione che il viaggiatore riceveva dal primo impatto visivo con una città. Le mura, che un tempo interamente le circondavano, erano il vero biglietto di presentazione che le città considerate degne di questo nome offrivano di se stesse. Non stupisce che si dica che Annibale non abbia osato assalire Roma proprio perché intimorito dalle sue mura. Nel XVIII secolo, quando mura e porte di Roma erano ancora in gran parte in piedi, un coltissimo erudito, padre Giuseppe Bianchini e un grande incisore, Giuseppe Vasi da Corleone, decisero di dedicare un volume alla storia e alla bellezza delle celebri porte e mura della Città Eterna. Da questa collaborazione nacque un libro di grande bellezza che oggi Editalia ripropone come straordinario documento su antichi e affascinanti elementi della città, molti dei quali sono andati distrutti nel corso degli ultimi due secoli.
Siamo spiacenti, questa opera è esaurita

Legatoria

La legatoria nei secoli ha seguito lo sviluppo dell’arte del libro. In Italia lavorano maestri artigiani che usano ancora oggi la tecnica della legatoria manuale tradizionale, nata come vera e propria arte tra il 1500 e 1700, realizzando raffinate legature frutto di una tradizione consolidata.

Scopri il mestiere dell'arte
Ti potrebbe interessare anche