Potenza e le sue terre

Volume di grande formato cm 28 x 37180 pagine stampate su carta speciale delle Cartiere Miliani FabrianoOltre 100 illustrazioni in bianco e nero e a coloriRilegatura in pelle pregiata con impressioni in oro sul piano e sul dorsoCustodia in pelle con specchiature di carta con una stampa a coloriA corredo del volume, un' antica stampa fedelmente riprodottaTiratura in 499 esemplari numerati
A cura di: Antonio Giganti
Presentazione di: Antonio Giganti Il volume intesse un’esaustiva immagine di Potenza nel corso della storia fino a tutto il XIX secolo, presentando la città nelle sue diverse dimensioni e punti di vista, quello politico e quello religioso, quello artistico e quello culturale. Nello stesso tempo, riserva particolare attenzione alle vicende che riguardarono i centri circostanti, quali Venosa, Melfi, il Vulture, che di Potenza furono pari per importanza nel corso dei secoli, o che si trovarono di volta in volta nella sua orbita. La storia della città viene ripercorsa attraverso le testimonianze di studiosi vissuti in diverse età, con particolare attenzione a quegli avvenimenti che, dal Medioevo fino all’Ottocento, hanno contribuito a determinarne il destino culturale e politico. Attraverso lo sguardo dei viaggiatori di varie epoche, si costruisce invece un percorso ideale, attraverso i luoghi e attraverso il tempo, che si snoda fra Potenza e le sue terre: dal rapporto del geografo arabo al-Idrisi del XII secolo, alle testimonianze dei viaggiatori stranieri dell’Ottocento, fino al dettagliato resoconto dell’escursione in bicicletta compiuta da Luigi Vittorio Bertarelli, fondatore del Touring Club Italiano, nel 1897. Il volume è infine arricchito da un omaggio all’opera poetica di Orazio, illustre venusino, e da una raccolta di novelle e racconti basilicatesi che aprono una finestra sulle tradizioni, gli usi e i costumi di questa terra.
Siamo spiacenti, questa opera è esaurita

Legatoria

La legatoria nei secoli ha seguito lo sviluppo dell’arte del libro. In Italia lavorano maestri artigiani che usano ancora oggi la tecnica della legatoria manuale tradizionale, nata come vera e propria arte tra il 1500 e 1700, realizzando raffinate legature frutto di una tradizione consolidata.

Scopri il mestiere dell'arte
Ti potrebbe interessare anche