Roma Capitale

286 pagine, oltre 170 illustrazioni in bianco e nero, 12 tavole a colori Rilegatura artigianale, cucitura a mano, copertina in pelle di vitello, con concia vegetale al sego, tamponata a mano all' anilina Bassorilievo in argento sul piatto di copertina Contenitore in legno rivestito in pelle di vitello con specchiature a colori Tiratura in 50 esemplari, numerati da 1/50 a 50/50
A cura di: Lucio Crescenzi
Presentazione di: Francesco Cossiga Roma Capitale prende l’avvio dalla storica breccia di Porta Pia del 20 settembre 1870 e si ripromette di documentare le vicende di Roma come capitale sia del Regno sia della Repubblica. L’opera si articola in otto diversi passaggi che conducono il lettore dalle problematiche della “Questione romana”, discusse dai deputati del nascente Regno d’Italia, alla presa militare della nuova capitale. Dai giorni fatali dell’alluvione del Tevere del 1870 si passa agli aspetti della vita romana, ai fasti dannunziani dell’epoca umbertina, agli umori politici, passionali ed esasperati. Dalle celebrazioni del primo cinquantenario del Regno si giunge alla Roma della vittoria e dei pruriginosi nuovi sogni imperiali; dalla tragedia finale dell’8 settembre 1943, si arriva alla fastosa celebrazione, nel 1970, del primo centenario di Roma capitale. Si tratta dunque un’opera fondamentale per la comprensione di passaggi storici, pulsioni emotive, valori ideali che fecero di Roma il centro dell’attenzione degli Italiani, il riferimento di una intera nazione, l’elemento aggregante di culture a volte molto diverse che ritrovarono nella capitale una ragione di coesistenza e solidarietà
Le caratteristiche del bassorilievo in argento bassorilievo in argento 999‰ (cm. 24x33) eseguito dalla Zecca di Stato da bozzetto originale di Carla Paiolo della Scuola dell’Arte della Medaglia tirato in 50 esemplari numerati da 1/50 a 50/50 ogni esemplare è marcato con punzone dell’I.P.Z.S., numerato e corredato di certificato di garanzia Breve descrizione del bassorilievo Al centro, si staglia l’imponente figura della “Dea Roma” (1925), opera di Angelo Zanelli, figura centrale dell’Altare della Patria del Complesso del Vittoriano. Sullo sfondo vengono simboleggiati Chiesa e Stato, rispettivamente rappresentati dal motivo architettonico dell’interno della cupola del Pantheon (118-125 d.C.) e dal disegno a stella della pavimentazione di Piazza del Campidoglio (1536 ca.), opera michelangiolesca. A sinistra, la Colonna Traiana (107-113 d.C.) e, a destra, una delle colonne tortili del Baldacchino di San Pietro, del Bernini (1624-33).

Stampa

La stampa in ambito artistico è una tecnica con la quale vengono create e moltiplicate opere d’arte mediante l’utilizzo di matrici incise. Molto vario è il mondo delle tecniche di incisione che si definiscono per il materiale della matrice: incisioni calcografiche (acquaforte, acquatinta, ceramolle ecc.), xilografie, litografie, serigrafie. E la stampa fine art. Oggi le tecniche incisorie non sono affatto cambiate: venuta meno la loro stretta funzione di “moltiplicatori d’immagine” in seguito all’avvento della fotografia, continuano a essere un mezzo espressivo d’elezione per molti artisti. Lo stampatore ricopre un ruolo fondamentale interpretando il segno artistico con la sensibilità dell’artigiano.

Scopri il mestiere dell'arte
Ti potrebbe interessare anche